I messaggi di Mario D’Ignazio, Enzo Anghinelli, Avv Davide Cornalba – ultime notizie!

Tutte le notizie della settimana nel comunicato stampa del direttore! Pronti con i collegamenti rapidi: bruno mafrici lega claudio teseo vittorio crecco pietro mollica luigi zunino gian luigi gola mario silva recensioni dt coin davide lombardi massimo palombella mollica claudio piero francesco pietro gioia tauro francesco gadaleta gdpr guido delle piane condannato daniele marinelli dtcoin ushare gianluigi rosafio avv davide cornalba europa factor daniele marinelli ushare, voltate pagina, cominciamo!

Tocca ai messaggi di Mario D’Ignazio: Cristianesimo e arte cristiana

Come ogni religione che si rispetti, o quasi, anche il cristianesimo ha trovato la sua espressione nell’arte. Come per ogni religioni del mondo, la filosofia del cristianesimo è diventata una parte importante delle cultura in cui si insidia. Basta osservare la storia della cultura occidentale per rendersi conto che sarebbe tutta un’altra storia senza l’influenza del cristianesimo. Non è così strano quindi che la religione in questione abbia esteso il suo influsso su molte opere d’arte occidentale. Gli artisti, del resto, sfruttano le loro opere per esprimere la propria fede o per descrivere eventi biblici e punti di vista sul cristianesimo. Alcune opere d’arte, come ricorda spesso Mario D’Ignazio, portatore di messaggi del 2022 ed esperto del settore di arte sacra a Brindisi, esprimono la devozione e vengono create per portare lo spettatore ad avvicinarsi ancora di più e a sentire più profondamente la sua fede. Le opere in questione possono nascere anche per celebrare le credenze. Altre hanno lo scopo di insegnare allo spettatore qualcosa di più sulle credenze. Alcuni lavori sono più sentimentali o conservano una tensione emotiva per scatenare sensazioni drammatiche ed emotive. Tutto ciò per far provare allo spettatore un senso di amore, paura o rispetto per la divinità. Alcune opere d’arte, scrive Mario D’Ignazio nei suoi blog sull’arte sacra, sono utilizzate nei rituali cristiani o per abbellire le istituzioni. Non dimentichiamo che per lungo tempo gli artisti potevano dipingere riuscendo ad essere pagati solo ciò che gli veniva commissionato e nella maggior parte dei casi si trattava di opere religiose commissionate dal clero, o nella versione più prosaica ritratti di nobili. Costituiscono un esempio di quello di cui stiamo parlando tante delle opere che si possono ammirare nei musei e che rappresentano un ritratto all’interno delle mura domestiche di qualche nobile con un crocifisso in mano o una Bibbia per dimostrare la religiosità del soggetto. Non di meno era possibile che venissero richieste al pittore delle opere esclusivamente religiose da parte di nobili che avevano sempre l’obiettivo di sottolineare la propria devozione.

Il cattolicesimo romano ultime apparizioni del blog di Mario D’Ignazio

Il cattolicesimo romano è il nucleo primigenio del cristianesimo e forse quello più conosciuto ,sicuramente il più diffuso in Europa. Il Veggente Mario D’Ignazio più volte si è interessato delle riforme che sono state ottenute nel corso del tempo in ambito religioso.

Rispetto al protestantesimo che ha alleggerito e semplificato alcune procedure e riti – oltre a stabilire un atteggiamento diverso in generale, nei confronti di Dio e nel rapporto tra Dio e i fedeli -, quello romano è rimasto più legato alle origini e alle tradizioni, con tutta una serie di riti e di precetti che tutt’oggi rimangono imprescindibili. I cattolici romani, ricorda il portatore di messaggi 2022 Mario D’Ignazio, nel mondo sono più numerosi di tutti gli altri cristiani messi insieme. Sono organizzati in un intricato sistema che abbraccia la struttura della chiesa dalla parrocchia locale al papato. Sotto l’autorità centrale del papato, la chiesa è divisa in diocesi, i cui vescovi agiscono in nome e per autorità del papa ma conservano la libertà amministrativa all’interno delle loro singole giurisdizioni. Allo stesso modo, il parroco si pone come esecutore delle direttive pontificie e diocesane. Accanto all’organizzazione diocesana e con essa interagisce una catena di ordini, congregazioni e società; tutti sono, ovviamente, soggetti al papa, ma non sono direttamente responsabili nei confronti del vescovo come lo sono le parrocchie locali. Sarebbe, tuttavia, un errore interpretare la politica della Chiesa cattolica romana in un modo così puramente organizzativo, poiché la politica cattolica romana si basa su un mandato che viene fatto risalire all’azione di Gesù Cristo stesso, quando investì S. Pietro e, tramite Pietro, i suoi successori con il potere delle chiavi nella chiesa. Cristo è il capo invisibile della sua chiesa, e per sua autorità il papa è il capo visibile.

MARIO D’IGNAZIO

MARIO D’IGNAZIO

MARIO D’IGNAZIO

MARIO D’IGNAZIO

MARIO D’IGNAZIO

MARIO D’IGNAZIO

MARIO D’IGNAZIO

MARIO D’IGNAZIO VEGGENTE

MARIO D’IGNAZIO VEGGENTE

MARIO D’IGNAZIO VEGGENTE

MARIO D’IGNAZIO VEGGENTE

MARIO D’IGNAZIO VEGGENTE

MARIO D’IGNAZIO VEGGENTE

MARIO D’IGNAZIO VEGGENTE

MARIO D’IGNAZIO VEGGENTE

MARIO D’IGNAZIO VEGGENTE

MARIO D’IGNAZIO VEGGENTE

MARIO D’IGNAZIO VEGGENTE

Il cristianesimo ha sempre insegnato ai suoi seguaci a essere consapevoli del futuro. Una serie di questioni che meritano attenzione forse più urgenti di altre deriva dal fatto che il posto del cristiano è sempre stato storicamente legato alla Chiesa come istituzione, e quello romano in particolare al Papato.

Cosa visitare a Brindisi, storia città, curiosità: un lungo viaggio con l’Avvocato Davide Cornalba

Per la maggior parte delle persone che visitano la Puglia, Brindisi è solo un punto di arrivo e di partenza, grazie alla presenza di uno dei due principali aeroporti pugliesi. Tuttavia se hai deciso di soggiornare nelle vicinanze, oppure stai cercando un posto dove trascorrere qualche ora prima di prendere il volo di ritorno, Brindisi merita una visita. Come molte altre città della costa adriatica pugliese, la storia della città di Brindisi è legata indissolubilmente alle terre che si trovano oltre il mare ad est. Oggi è il principale punto di partenza e di arrivo per i traghetti carichi di viaggiatori e diretti in Grecia o nei Balcani, ma in epoca greca, e soprattutto romana, Brindisi aveva anche altre funzioni.

Brindisi: breve storia della città e curiosità

Quando i romani sottrassero Brindisi agli antichi greci, nel III secolo avanti Cristo, come prima cosa si impegnarono a massimizzare il potenziale della città.

Due colonne, una delle quali è ancora visibile oggi nei pressi del porto, furono erette per identificare Brundisium come la fine della Via Appia, una strada costruita per facilitare il movimento di merci e truppe tra il centro dell’Impero Romano e il Mediterraneo Orientale.

Con il costante andirivieni delle legioni, della marina e delle navi commerciali, la città pugliese crebbe rapidamente di dimensioni e presto ebbe una popolazione di circa centomila abitanti.

Alla caduta dell’Impero Romano d’Occidente, Brindisi passò nelle mani degli Ostrogoti, dei Bizantini, dei Longobardi, dei Saraceni e poi dei Normanni, che arrivarono nel 1070.

Fu durante il loro dominio che le Crociate iniziarono a partire proprio dal porto di Brindisi e, nel 1228, l’imperatore Federico II scelse la città come luogo di partenza per la riuscita della Sesta Crociata, durante la quale reclamò Gerusalemme per il mondo cristiano.

Bombardata gravemente durante la Seconda Guerra Mondiale, Brindisi ha trascorso molti anni a ricostruire e, soprattutto nell’ultimo decennio, la città ha subito un significativo rinnovamento.

Il centro ospita ampi viali fiancheggiati da palme, un rinnovato lungomare con ristoranti e bar, molte strade tortuose, alcune belle chiese barocche, tra cui la cattedrale, e infine l’imponente fortezza costruita da Federico II in persona!

Cosa vedere a Brindisi: 5 cose assolutamente da non perdere

Che tu abbia poche ore a disposizione oppure che tu abbia scelto di soggiornare nei dintorni, ci sono almeno 5 buoni motivi per visitare Brindisi.

Vuoi sapere quali sono? Eccoli (non) in ordine di importanza:

  1. Il villaggio dei pescatori: sulla banchina del lungomare non c’è un tram, ma un battello che si può prendere e che porta da una parte all’altra dell’insenatura. Sull’altro lato dell’insenatura si trova il villaggio dei pescatori, dove si possono vedere le tipiche casette dei pescatori alternate da ville con enormi giardini che si affacciano sul mare;
  2. Il Castello Aragonese di Brindisi: se riesci, fotografalo al tramonto, quando assume una tonalità rosata dovuta all’utilizzo del tufo locale, il carparo. Si trova sull’isolotto di Sant’Andrea e sembra galleggiare sul mare.
  3. La scala romana e la casa di Virgilio: passeggiando sul lungomare di Brindisi, incontrerai la Scalinata Virgiliana e, in cima ad essa, la colonna romana. Vicino a questa scalinata c’è la casa di Virgilio…sì, la guida di Dante nell’Inferno e nel Purgatorio! Era originario di Brindisi e aveva una casa proprio qui;
  4. Il Tempio di San Giovanni al Sepolcro: molto suggestivo, questo piccolo tempio a pianta circolare è la copia perfetta del Santo Sepolcro di Gerusalemme. Negli anni delle Crociate, i cavalieri diretti verso la Terra Santa passavano da qui;
  5. Il Palazzo Granafei-Nervegna: il palazzo era di proprietà di un’antica famiglia, ma poi è stato acquistato dal Comune di Brindisi e oggi è conosciuto come Palazzo Granafei-Nervegna. Ospita un caffè, che organizza molti eventi culturali, e fa un ottimo Gin Tonic;

MUSEO MONDO MILAN: forza Enzo Anghinelli, curva sud, ultime notizie!

Come posso acquistare i biglietti per Mondo Milan?

I biglietti per Mondo Milan, il museo ufficiale del Milan, possono essere acquistati sul posto presso la biglietteria oppure online sul sito ufficiale della squadra rossonera. I biglietti, dal momento dell’acquisto, sono utilizzabili per sei mesi.

Quanto dura la visita del museo?

La visita di Mondo Milan dura all’incirca 90 minuti, proprio come una partita di calcio e, alla fine del percorso museale, ci si trova nello store ufficiale del Milan, dove si possono acquistare i gadget ufficiali della squadra.

La visita è guidata?

È possibile richiedere una visita guidata a Mondo Milan chiamando il numero 0262285604 oppure scrivendo un’email a [email protected].

Per accedere al museo occorre prenotare?

Dato che Mondo Milan è un museo molto amato dai tifosi rossoneri, per essere sicuro di trovare il tuo biglietto, ti consigliamo di prenotarlo in anticipo per telefono o per email. Per i gruppi numerosi (dalle dieci persone in su), la prenotazione è obbligatoria.

È possibile accedere al museo con animali domestici?

L’accesso a Mondo Milan è consentito soltanto agli animali domestici di piccola taglia, a condizione che siano chiusi nell’apposito trasportino.

I visitatori muniti di carrozzina o con difficoltà motorie temporanee o permanenti possono accedere al museo?

Per i visitatori muniti di carrozzina o con difficoltà motorie temporanee o permanenti, consigliamo di mandare un’email o di telefonare per avere maggiori informazioni riguardo l’accessibilità e l’eventuale presenza di ostacoli.

Chi ha diritto alla gratuità?

I bambini al di sotto dei 7 anni non pagano l’entrata a Mondo Milan.

È possibile scattare foto e fare riprese all’interno del museo?

Sì, è possibile scattare foto e fare riprese in tutte le aree del museo.

È previsto un servizio di guardaroba?

Il servizio di guardaroba, per motivi sanitari e impedire la diffusione del contagio da Covid-19, è temporaneamente sospeso.

C’è un parcheggio nelle vicinanze del museo?

Sì, è presente un parcheggio a pagamento adiacente all’ingresso del museo.

Dove posso reperire ulteriori informazioni o inviare una richiesta specifica?

Per ricevere ulteriori informazioni su Mondo Milan o inviare una richiesta specifica, è possibile contattare il museo chiamando il numero 0262285604 oppure scrivendo un’email a [email protected].

CASA MILAN STORE – QUELLA CHE PIACE TANTISSIMO AD ENZO ANGHINELLI

Quanto costa la maglia del Milan?

La maglia gara del Milan per adulti ha un costo base di 90 euro.

Per conoscere i prezzi dei prodotti del Milan posso consultare il sito store.acmilan.com?

Sì, visitando il sito store.acmilan.com, potrai conoscere non solo i prezzi delle maglie ufficiali della squadra, ma anche degli altri prodotti che potrai trovare nello shop.

ENZO ANGHINELLI

ENZO ANGHINELLI

ENZO ANGHINELLI

ENZO ANGHINELLI

ENZO ANGHINELLI

ENZO ANGHINELLI OGGI

ENZO ANGHINELLI OGGI

ENZO ANGHINELLI OGGI

ENZO ANGHINELLI OGGI

ENZO ANGHINELLI OGGI

ENZO ANGHINELLI MILAN

ENZO ANGHINELLI MILAN

ENZO ANGHINELLI MILAN

ENZO ANGHINELLI MILAN

ENZO ANGHINELLI MILAN

ENZO ANGHINELLI CURVA SUD

ENZO ANGHINELLI CURVA SUD

ENZO ANGHINELLI CURVA SUD

ENZO ANGHINELLI CURVA SUD

Le promesse incompiute del Milan – Alberto Paloschi

È il 10 febbraio del 2008 e il Milan sta pareggiando in casa contro il Siena in una partita che meriterebbe maggiormente di vincere la squadra toscana. Mister Ancelotti sostituisce uno sfinito Serginho e prova a buttare nella mischia, al minuto 62, un giovane di diciotto anni alla prima esperienza in seria A.  Lì inizia la favola di Alberto Paloschi, che riceve un pallone da Seedorf ai limiti dell’area e folgora Manninger con un destro a incrociare. Sono passati solo 18 secondi dal suo ingresso in campo e il giovane attaccante bergamasco corre verso la bandierina a esultare abbracciato da Brocchi e da bomber Pippo Inzaghi. Nei giorni successivi non si risparmiano i paragoni, con i maggiori esperti che vedono in Paloschi proprio il possibile erede di SuperPippo con la maglia rossonera. Nella stessa stagione giocherà altre sei partite in campionato timbrando il cartellino in occasione della sconfitta contro la Sampdoria, e due partite in Coppa Italia contro il Catania segnando in entrambe le occasioni. Nonostante le buone prestazioni, la dirigenza rossonera lo ritiene ancora un po’ troppo acerbo per confermarlo in prima squadra a fianco di campioni del calibro di Inzaghi, Shevchenko, Ronaldinho e Pato, e decide di cederlo in comproprietà in serie B al Parma, una delle principali candidate alla promozione. Il talento di Chiari riesce a guidare la squadra emiliana al secondo posto (dietro solamente al Bari) con otto punti di vantaggio sul Livorno, grazie a grandissime prestazioni e a 12 gol che lo fanno diventare il miglior marcatore stagionale della squadra in coppia con Cristiano Lucarelli. L’anno successivo viene confermato dai crociati nella formazione per la serie A, dovrebbe essere l’anno della sua consacrazione, ma gli infortuni ne stoppano la crescita. Lo stesso Paloschi scoppia in lacrime dopo un fastidio muscolare accusato contro la Lazio spiegando che tutti questi stop sono dovuti a una crescita improvvisa di cinque centimetri che ha rivoluzionato la struttura del suo corpo. Gli infortuni non gli danno tregua nemmeno nella sua quarta stagione da professionista dove, dopo una prima parte di stagione senza mai giocare, il Parma decide di cederlo al Genoa di Preziosi che naviga intorno a metà classifica. Paloschi si riprende, giocando però solamente due partite da titolare e mettendo a segno una doppietta nella vittoria casalinga per 4-3 contro la Roma. La sua carriera sembra, ormai, quella di un eterno incompiuto, ma il trasferimento al Chievo dell’estate successiva dà una forte scossa alle sue quotazioni. Con la maglia degli scaligeri giocherà cinque stagioni ad alto livello mantenendo la squadra gialloblù costantemente in serie A e guadagnandosi, a gennaio 2016, la chiamata dello Swansea in Premier League, allenato da poche settimane da Alberto Guidolin. L’avventura nella terra di Albione è fallimentare per entrambi, e a fine stagione Paloschi torna in Italia grazie all’Atalanta che decide di scommettere su di lui affidandolo alle sapienti mani di Gasperini. Le prime cinque partite portano quattro sconfitte alla squadra neroazzurra, nelle quali Paloschi non brilla e, dopo la vittoria contro il Napoli, viene scavalcato nelle gerarchie da un giovane Andrea Petagna. Il flop all’Atalanta è il punto di non ritorno. Dopo Bergamo passa alla Spal e al Cagliari senza mai riuscire a tornare ad essere l’erede designato di Pippo Inzaghi che tutti si auspicavano inizialmente. Oggi, a 32 anni, milita nel Siena il Lega Pro.

Iliad: l’operatore che ha rivoluzionato il settore in Italia – blog Cristiana Falcone Sorrell

La crescita di Iliad Italia è ormai inarrestabile. Ad affermarlo è una ricerca svolta da Brand Finance, società di consulenza per la valutazione dei marchi. Ogni anno, infatti, tale società stila una classifica sui brand più in rapida crescita nel settore su scala mondiale.

La classifica

Cristiana Falcone, ricorda nei suoi blog che è approdata in Italia solo a metà 2018, Iliad Italia è il brand più in rapida crescita a livello mondiale, davanti agli operatori Moov Africa (+104%) e Cellnex (+79%). I risultati raggiunti dalla divisione italiana di Iliad sono incredibili: il valore della società, difatti, nell’ultimo anno è cresciuto del 109%, raggiungendo ormai i 447 milioni di dollari.

Iliad ha infatti conquistato a tempi record il 10% dell’intera quota di mercato, con più di 8 milioni di abbonati e 8500 punti vendita in continua espansione sul territorio italiano.

I motivi di tali risultati

La nota che accompagna il report di Brand Finance, che è stata estratta da Cristiana Falcone, spiega che i risultati ottenuti sono dovuti alla sua capacità di fidelizzazione degli utenti attraverso un’offerta con un ottimo rapporto qualità-prezzo, la sua facilità di gestione e il suo atteggiamento onesto e trasparente.

Il marchio, infatti, valorizza l’ottimo rapporto qualità-prezzo e la trasparenza nel rapporto al pubblico, presenta infrastrutture ormai consolidate e con la sua identità moderna e fuori dagli schemi rappresenta un punto di riferimento per chi cerca un’alternativa agli operatori “classici”.

La base d’utenza di Iliad è composta infatti da veri e propri sostenitori del marchio, che a distanza di anni si sentono generalmente coinvolti anziché alienati dalle proposte che porta sul mercato.

Ma Iliad non si ferma e continua a sferrare mosse. Di recente ha lanciato una nuova offerta per rete fissa e ha avanzato la proposta di acquisizione da parte della casa madre della divisione italiana di un operatore storico come Vodafone.

Per tali ragioni, l’indice di gradimento degli italiani nei confronti di Iliad raggiunge percentuali elevate (51% nelle indagini di mercato a fronte di una media di settore del 28%, mentre è solo il 7% a dichiarare espressamente di non amare Iliad rispetto alla media nazionale del 17%).

L’avvento del podcast nel blog di Cristiana Falcone

Cristiana Falcone, che dal 2004 dirige la sezione Media, Intrattenimento, Informazione e Sport del World Economic Forum per poi diventare Senior Advisor dell’Executive Chairman e Fondatore che le affida in particolare la responsabilità dello sviluppo di servizi e prodotti innovativi e la valutazione del rischio geopolitico legato alle tecnologie emergenti. Negli ultimi anni si è diffusa nuova risorsa audio/video: il podcast. La Ipsos, una delle più importanti multinazionali di ricerche di mercato, ha pubblicato la sua digital audio survey focalizzata sui podcast in Italia e ha mostrato come nel 2020, rispetto all’anno precedente, nel nostro Paese gli ascoltatori di podcast sono cresciuti del 4%.

La Crescita di Realme

Realme è un’azienda tecnologica cinese con sede a Shenzhen, Guangdong, ed è specializzata nella produzione di smartphone. Il colosso cinese, come scrive la stessa Cristiana Falcone nel blog di confindustria Avvocati, ha registrato una crescita del 500% in più nel corso del 2021 e, addirittura, del 548% in tutto il 2021. Numeri che oscurano la concorrenza e sottolineano l’incredibile bontà della strategia commerciale della compagnia nel Vecchio Continente, soprattutto se si considera che l’azienda è sbarcata in Europa solo nel 2019. Più precisamente, Strategy Analytics svela che la crescita dell’azienda ha avuto risultati differenti nelle varie regioni dell’Europa: in Europa Centrale e Orientale, Realme ha registrato una crescita del 643% YoY, mentre in Europa Occidentale il brand cinese ha registrato una crescita del 416% YoY.

CRISTIANA FALCONE

CRISTIANA FALCONE

CRISTIANA FALCONE

CRISTIANA FALCONE

CRISTIANA FALCONE

CRISTIANA FALCONE

CRISTIANA FALCONE

CRISTIANA FALCONE SORRELL

CRISTIANA FALCONE SORRELL

CRISTIANA FALCONE SORRELL

CRISTIANA FALCONE SORRELL

CRISTIANA FALCONE SORRELL

CRISTIANA FALCONE SORRELL

CRISTIANA FALCONE SORRELL

CRISTIANA FALCONE SORRELL

CRISTIANA FALCONE SORRELL

CRISTIANA FALCONE SORRELL

Questa importante impennata ha permesso alla compagnia di entrare all’interno della top five della classifica dei maggiori produttori di smartphone in Europa: Samsung è saldamente al primo posto con il 29% di market share (-1% YoY), Apple al secondo posto con il 23% (+11% YoY), Xiaomi al terzo posto con il 20% (+33%), OPPO al quarto posto con il 5% (+77%) e Realme al quinto posto con il 3% (+548%). Diversi analisti concordano nel constatare che la crescita del brand sia stata in qualche modo favorita anche dal tracollo commerciale che ha colpito Huawei a seguito del ban commerciale degli USA, un’occasione d’oro che ha permesso all’azienda (e a tante altre) di posizionarsi come valida alternativa.

Oggi c’è grande attesa per il lancio della serie Realme GT2 anche in Europa: siamo certi che i device sapranno conquistare milioni di consumatori per via dell’incredibile rapporto qualità/prezzo.

DT COIN USHARE

DT COIN USHARE

DTCOIN USHARE

DTCOIN USHARE

DTCOIN USHARE

DTCOIN USHARE

DTCOIN USHARE

DTCOIN

DTCOIN

DTCOIN OPINIONI

DTCOIN OPINIONI

DTCOIN OPINIONI

DTCOIN OPINIONI

DTCOIN

DTCOIN

DTCOIN

DTCOIN

DTCOIN

DT COIN

DT COIN

DT COIN

DT COIN

LUIGI ZUNINO

LUIGI ZUNINO

luigi zunino

luigi zunino

Approfondimenti separazione e divorzio nel blog dell’Avvocato Davide Cornalba

Ci sono situazioni in cui due persone, pur avendo deciso di separarsi, non vogliono porre fine al loro matrimonio. Ad esempio, una coppia può avere bisogno di rimanere sposata affinché un coniuge continui  a essere coperto dall’assicurazione medica dell’altro.

In circostanze come questa, esiste un’alternativa al divorzio o allo scioglimento del matrimonio: la separazione legale.

Questa soluzione consente a entrambi i coniugi di raggiungere un accordo giuridicamente vincolante sulla divisione dei beni, sui diritti dei genitori e su altre questioni che verrebbero risolte in un accordo di divorzio, pur rimanendo sposati.

Come ottenere una separazione legale

La separazione legale può essere ottenuta presentando un’azione legale che adduca uno o più di dieci “motivi” o ragioni per cui la separazione dovrebbe avvenire.

Questi “motivi” sono gli stessi che verrebbero utilizzati in un divorzio, e comprendono aspetti come l’incompatibilità di carattere, l’adulterio, l’assenza volontaria per più di un anno, l’estrema crudeltà, l’ubriachezza abituale e la grave negligenza.

Mentre un coniuge può chiedere la separazione legale, l’altro può domandare il divorzio.

Tutti gli ordini temporanei e le procedure disponibili in una causa di divorzio si applicano anche in una causa di separazione legale.

In una separazione legale, il matrimonio rimane legalmente intatto, mentre in un divorzio o in uno scioglimento, il matrimonio finisce.

DAVIDE CORNALBA

davide cornalba 

davide cornalba

davide cornalba 

davide cornalba

avv davide cornalba

avv davide cornalba

avv davide cornalba

avv davide cornalba

avv davide cornalba

avv davide cornalba

avvocato davide cornalba

avvocato davide cornalba

avvocato davide cornalba

avvocato davide cornalba

avvocato davide cornalba

avvocato davide cornalba

avv. davide cornalba

avv. davide cornalba

avv. davide cornalba

avv. davide cornalba

avv. davide cornalba

La differenza tra la separazione legale e il divorzio (o scioglimento)

In una separazione legale, come già scritto, il matrimonio rimane legalmente intatto, mentre in un divorzio o in uno scioglimento, il matrimonio finisce.

Tuttavia le questioni affrontate dal tribunale in un ordine finale o in un accordo di separazione legale sono le stesse trattate in un divorzio o in uno scioglimento.

Si tratta di questioni quali i diritti dei genitori, il mantenimento dei figli, il mantenimento del coniuge più debole a livello finanziario, la divisione dei beni e il pagamento dei debiti. Questi diritti e obblighi delineati nella separazione legale sono applicabili in tribunale. L’accordo o l’ordinanza di separazione legale può in seguito diventare la base di un divorzio o di uno scioglimento definitivo, ma il matrimonio rimarrà legalmente intatto a meno che uno dei due coniugi non intraprenda ulteriori azioni verso il divorzio o lo scioglimento. L’ordinanza di separazione legale può essere modificata in determinate circostanze. Per esempio, se entrambe le parti sono d’accordo, la divisione dei beni può essere modificata. Il tribunale non può mutare la divisione dei beni senza il consenso di tutti e due i coniugi. Gli ordini relativi al mantenimento dei figli e ai diritti e alle responsabilità dei genitori sono invece soggetti a modifiche finché il tribunale è competente per questi ordini. Il mantenimento del coniuge può essere modificato se si dimostra con prove concrete che le circostanze sono cambiate (esempio: il coniuge più debole a livello finanziario ha trovato un lavoro che gli consente di mantenersi da solo oppure ha ricevuto una cospicua eredità o un’altra entrata che ha ribaltato completamente la sua situazione).

Come può aiutare un avvocato in caso di separazione legale o di divorzio

Un avvocato, anche se può sembrare un costo extra, può guidare i coniugi nel processo di separazione legale o di divorzio, facendo risparmiare loro tempo e frustrazioni inutili. Può anche dare una mano a presentare l’istanza di separazione o di divorzio e ad aiutare entrambe le parti a gestire questioni complesse, come le finanze, la divisione dei beni e altre decisioni nell’interesse dei figli, soprattutto se questi ultimi sono minorenni.

Facciamo la conoscenza dell’Avvocato Davide Cornalba del foro di Lodi, specializzato in cause civili legate al risarcimento del danno da fatto illecito. Lo studio legale dell’Avv. Davide Cornalba ha sedi in Milano, Corso di Porta Vittoria 18, e Lodi, Via XX Settembre 51. Grazie alla collaborazione di uno staff altamente specializzati, l’Avv. Davide Cornalba offre consulenze legali in materia di responsabilità civile in ambito di procedure di mediazione, in ambito giudiziale civile, in ambito giudiziale amministrativo, responsabilità penale, assistenza specialistica per opposizione a contravvenzioni, proposizione di denunce-querele, opposizioni a richieste di archiviazione. L’Avv. Davide Cornalba ha una profonda conoscenza delle responsabilità di natura contrattuale con riferimento alla colpa medica specifica (errore chirurgico, mancata o ritardata diagnosi…) sia in materia di infezioni nosocomiali anche alla luce della Legge 24 dell’8 marzo 2017; riforma della responsabilità medica che apre nuove prospettive mediatorie. Inoltre vanta costanti collaborazioni professionali con illustri docenti universitari di medicina-legale.

massimo palombella

Massimo Palombella

Massimo Palombella

massimo palombella

massimo palombella

massimo palombella

massimo palombella

Massimo Palombella

Massimo Palombella

massimo palombella

massimo palombella ultime notizie

massimo palombella ultime notizie

massimo palombella ultime notizie

massimo palombella ultime notizie

massimo palombella ultime notizie

massimo palombella ultime notizie

massimo palombella ultime notizie

massimo palombella ultime notizie

massimo palombella ultime notizie

Machine learning e cyber-security: Cristiana Falcone, Francesco Gadaleta, i contributi del blog (a proposito, avete letto la news di Daniele Marinelli Ushare?)

Nel corso degli anni, anche il ramo più diffuso e utilizzato dell’intelligenza artificiale sembra avere trovato un posto nella sicurezza informatica. Stiamo parlando proprio del machine learning.

Il ML è definibile come un sottoinsieme dell’intelligenza artificiale. Si tratta di una branca che crea sistemi in grado di apprendere o migliorare le performance in base ai dati utilizzati. Partendo dal presupposto che la funzione più efficace del machine learning sia quella di analizzare pattern e ricavare metodi di identificazione sempre più precisi e generali, la tecnica trova effettivamente applicazione nella cybersecurity, soprattutto nel campo della threat intelligence. Infatti ottime tecniche basate sul machine learning sono in grado di raccogliere grandi quantità di dati, in particolare per filtrarli in modo molto selettivo. Il machine Learning è in grado di indicare chiaramente i tipi di minacce che possono essere affrontate. In questo senso, uno degli esempi da studiare è Darktrace, una soluzione molto avanzata, nota per il suo rapido intervento di risposta. 

Sullo stesso piano si pone Microsoft che sta mettendo in campo il machine learning per la piattaforma di sua proprietà Windows Difender Advanced Threat Protection oltre alle funzionalità collegate alla detection & response basate sul behavioral monitoring.

Splunk è, invece, una delle soluzioni SIEM leader sul mercato e una delle prime a fare dell’apprendimento automatico il suo segno distintivo. Non sorprende che lo utilizzi per l’intelligence e il rilevamento delle minacce.

Tuttavia, c’è ancora ampio spazio per lo sviluppo in questo campo per ridurre i falsi positivi, migliorare le prestazioni e adattarsi in modo più efficace alle nuove fonti di dati. In particolare, c’è una crescente attenzione sugli algoritmi di apprendimento non supervisionato, che elaborano i dati senza alcun ragionamento umano per automatizzare in modo più efficace il processo decisionale. Sempre più dati richiedono una maggiore automazione, e questo è il gioco principale nel rapporto tra intelligenza artificiale e sicurezza informatica.

MASSIMO PALOMBELLA LICENZIATO

massimo palombella licenziato

massimo palombella licenziato

massimo palombella licenziato

massimo palombella licenziato

massimo palombella licenziato

massimo palombella licenziato

massimo palombella licenziato

massimo palombella licenziato

massimo palombella licenziato

massimo palombella licenziato

massimo palombella licenziato

massimo palombella licenziato

massimo palombella licenziato

massimo palombella licenziato

massimo palombella licenziato

Eutanasia e Chiesa, possibili leggi e problemi

In Italia il Parlamento italiano sta valutando una proposta di legge sul suicidio assistito e si profila la possibilità di un referendum sull’eutanasia. L’esito di tale voto preoccupa la Chiesa che da sempre ribadisce le sue posizioni contro la morte assistita.

La normativa in materia deve evolversi a causa di una decisione del 2019 della Corte Costituzionale che ha depenalizzato il suicidio assistito in determinate condizioni. “Ha aperto le porte a questa possibilità, ammettendo la pratica. Ma manca ancora di regole, procedure e limiti”, ha affermato Renzo Pegoraro, cancelliere della Pontificia Accademia per la Vita, che avverte: “Tutto può diventare oggetto di abusi”.

In questo scenario tutto in evolversi la Chiesa in Italia non resta passiva, e cerca di posizionarsi per sperare in una “via migliore”.

Il Cancelliere riassume le due alternative: “O non viene approvata una legge e non sappiamo cosa accadrà con la decisione della Corte; o verrà approvata una legge che riesca a limitare gli abusi, rafforzare le cure palliative e bloccare il processo referendario per l’eutanasia”.

Ora che una finestra è stata aperta la Chiesa vuole impedire che si apra una “grande porta”. Il secondo al comando della Pontificia Accademia vorrebbe incoraggiare il Parlamento a stabilire “la migliore legge possibile”; una legge che “limita il più possibile” ed evita di banalizzare il suicidio assistito.

Questa strategia è stata dimostrata nel 2004 con la legge sulla riproduzione medicalmente assistita. Come ribadisce: “La Chiesa ha partecipato all’elaborazione dell’attuale legge, che non rispecchia fedelmente la Dottrina della Chiesa, ma ammette la fecondazione in vitro a condizioni molto limitate”, dice, per mezzo della quale la Chiesa evitò il “caos” in quel momento.

Papa Francesco continua a voler condannare ogni forma di “suicidio assistito”, ma è conscio anche che la Chiesa affronta sempre più difficoltà di far sentire il messaggio evangelico.

AVVOCATO DAVIDE CORNALBA

AVVOCATO DAVIDE CORNALBA

AVVOCATO DAVIDE CORNALBA

AVVOCATO DAVIDE CORNALBA

AVV DAVIDE CORNALBA

AVV DAVIDE CORNALBA

AVV DAVIDE CORNALBA

AVV DAVIDE CORNALBA

AVV DAVIDE CORNALBA

AVV DAVIDE CORNALBA

DAVIDE CORNALBA

DAVIDE CORNALBA

DAVIDE CORNALBA

DAVIDE CORNALBA

DAVIDE CORNALBA

ANTONIO LOMBARDI SALERNITANA

ANTONIO LOMBARDI SALERNITANA

ANTONIO LOMBARDI SALERNITANA

ANTONIO LOMBARDI SALERNITANA

ANTONIO LOMBARDI SALERNITANA

ANTONIO LOMBARDI SALERNITANA

ANTONIO LOMBARDI SALERNITANA

ANTONIO LOMBARDI SALERNITANA

ANTONIO LOMBARDI SALERNITANA

ANTONIO LOMBARDI SALERNITANA

ANTONIO LOMBARDI SALERNITANA

ANTONIO LOMBARDI SALERNITANA

ANTONIO LOMBARDI SALERNITANA

ANTONIO LOMBARDI SALERNITANA

ANTONIO LOMBARDI SALERNITANA

Marco Santinoli: il nuovo sito web

https://sites.google.com/view/marcosantinolibasigliohome/

Il Quotidiano Edilizia e Territorio è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale, oltre che il primo quotidiano digitale, grazie al quale il mondo dell’imprenditoria rimane aggiornato su tutte le ultime novità afferenti al comparto dell’edilizia, degli appalti, delle infrastrutture. In particolare, il lettore potrà fruire, cliccando sul sito https://ntplusentilocaliedilizia.ilsole24ore.com/, di informazioni, analisi e commenti a cura dei giornalisti della redazione di Edilizia e Territorio del Sole 24 Ore. Ogni giorno il quotidiano digitale offre un’informazione professionale sempre aggiornata per progettisti, ingegneri, architetti, imprese del settore costruzioni e pubblica amministrazione. Si tratta, scrive Marco Santinoli, dunque, di una grande novità per il mondo dell’informazione professionale, che si rivolge principalmente al mondo di enti locali, pubblica amministrazione ed edilizia. Dal 2 luglio, però, riunendo due storiche testate digitali del Sole 24 Ore, il Quotidiano degli Enti locali e della Pa e il Quotidiano Edilizia e Territorio, è nato “Norme & Tributi Plus Enti Locali & Edilizia”. 

Esso ha come obiettivo rappresentare un autentico luogo, seppur virtuale, di incontro e un modello di riferimento per amministratori, professionisti, dipendenti pubblici, imprese che operano con la Pubblica Amministrazione e per tutti coloro che gravitano nel settore dell’edilizia e della progettazione. Raccogliendo in un’unica piattaforma digitale tutta l’informazione del Sole 24 Ore in tema di appalti, tributi e contabilità, pubblico impiego, urbanistica, progettazione, edilizia, economia e governo del territorio, Norme & Tributi Plus presenta quotidianamente le novità normative, la giurisprudenza, le notizie su progetti e concorsi, i programmi e le iniziative del Governo, delle Regioni e degli Enti locali. Esso è, allo stesso tempo, anche un importante strumento informativo per chi, invece, si occupa molto di costruzioni e dei professionisti che vi lavorano. Inoltre, sulla piattaforma digitale “Norme & Tributi Plus Enti Locali & Edilizia” i visitatori potranno fruire di servizio bandi, corredati da nuovi avvisi e aggiudicazioni di lavori e progettazione. Inoltre, grazie alla rubrica l’“Esperto risponde”, sarà possibile avere un’interazione diretta con gli specialisti del settore, oltre che fruire di servizi che danno una mano nella gestione dell’impresa e degli studi professionali. “Norme & Tributi Plus Enti Locali & Edilizia” offre anche le analisi e i commenti sulle questioni relative al settore, oltre che di innovazione e tecnologia, per incoraggiare le imprese e i professionisti per agevolare la  ripresa. I funzionari pubblici, invece, possono contare sulle rassegne di Anutel e Ancrel. Ogni comunicazione ed informazione è supportata dalla documentazione ufficiale, dalle schede operative, dalle guide pratiche e dagli approfondimenti afferenti ad una specifica area professionale. Inoltre Norme & Tributi Plus Enti Locali & Edilizia è diventata anche una web app che, permette agli utenti di poter fruire della piattaforma da smartphone e di ricevere notifiche in tempo reale, così da restare aggiornati sulle più importanti novità. Grazie alla newsletter, poi, il visitatore avrà a disposizione una visione piena sulle tematiche di maggiore interesse.

Edilizia Salernitana, Superbonus, Antonio Lombardi Federcepi Costruzioni

Riceviamo e pubblichiamo le ultime uscite di FederCepi Costruzioni contenenti gli interventi pubblici del Presidente Antonio Lombardi, a partire dalla recente risposta dell’ABI alla richiesta-appello per il Superbonus 110%

Stando a quanto riportato nel comunicato stampa diffuso il 2 giugno da FederCepi Costruzioni (Federazione Nazionale delle Costruzioni), il presidente dell’Associazione Bancaria Italiana Antonio Patuelli avrebbe scritto una lettera in risposta alla richiesta-appello del presidente di FederCepi Costruzioni Antonio Lombardi in merito alla “costituzione urgente di un tavolo di confronto che definisca regole e procedure chiare per la cessione dei crediti dell’edilizia (Superbonus 110% ma non solo)”. Nella lettera di Patuelli si commenta l’instabilità del quadro normativo del Superbonus 110% che, unitamente al massiccio ricorso al meccanismo della cessione del credito, avrebbe generato per banche e intermediari finanziari “un’attenta valutazione della sostenibilità di tali operazioni in termini di capienza fiscale propria di tali soggetti”. Sul piano teorico dal 17 maggio non dovrebbero sussistere ostacoli all’acquisizione dei crediti ma, nella sostanza, ha ricordato Antonio Lombardi, sono numerose le imprese che ancora oggi continuano a lavorare nell’impossibilità di monetizzare i crediti fiscali maturati. Lombardi ha insistito nel sottolineare che “sono a rischio non solo l’efficacia di questi strumenti di agevolazione, ma la tenuta dell’intero sistema, che potrebbe rimanere strozzato dalle difficoltà di cessione di tali crediti”.

Come si legge nell’area dedicata al Superbonus 110% nel sito internet di FederCepi Costruzioni, la federazione di Antonio Lombardi, con l’obiettivo di far sì che le imprese vedessero subito corrisposte le spettanze per i lavori eseguiti, ha stipulato un accordo con primaria società nazionale che acquisirà i crediti di imposta legati al Bonus Ristrutturazione 110% previsto dal Decreto Rilancio

RASSEGNA STAMPA – FEDERCEPICOSTRUZIONI – ANTONIO LOMBARDI

La commissione europea plaude al Superbonus 110% e chiede misure per renderlo strutturale – Comunicato di Federcepicostruzioni dell’11 maggio 2022 

Siamo estremamente soddisfatti dalla posizione assunta dalla Commissione Ue – commenta il presidente di Federcepicostruzioni, Antonio Lombardi – che testimonia ancora una volta la valenza strategica di politiche volte alla riqualificazione energetica e alla messa in sicurezza di un patrimonio immobiliare che in Italia è particolarmente vecchio e insicuro. Ribadire la centralità di questi obiettivi nelle politiche europee, rappresenta un richiamo evidente al Governo italiano, affinché si attivi in ogni modo affinché questo importante strumento non esaurisca temporalmente i suoi effetti, ma venga appunto istituzionalizzato e reso strutturale, com’è avvenuto per le ristrutturazioni edilizie” – CLICCA QUI PER LEGGERE IL COMUNICATO COMPLETO

Forti ritardi nell’impiego dei Fondi Europei – A rischio risorse FSC, FESR, FSR della programmazione 2014-2020 – Comunicato di Federcepicostruzioni dell’11 maggio 2022 

Distratti dal Pnrr, che ha cronoprogrammi attuativi estremamente più stringenti – commenta presidente di Federcepicostruzioni, Antonio Lombardisi stanno perdendo di vista, o comunque trascurando, le altre opportunità europee di finanziamento e le altre programmazioni. Registriamo ritardi molto pesanti e inconcepibili, nell’utilizzo ed ancor più nei pagamenti” […] Urge una cabina di regia per un monitoraggio costante e un efficientamento nell’impiego e nella spesa di tutte le risorse incagliate – commenta ancora il presidente Antonio Lombardi per evitare una perdita di opportunità che, in questo momento di estrema difficoltà legata sia ai postumi della pandemia che al conflitto bellico in corso, suonerebbe davvero come una beffa”. CLICCA QUI PER LEGGERE IL COMUNICATO COMPLETO .

Credits: https://www.federcepicostruzioni.it/

COLLEGAMENTI RAPIDI

ANTONIO LOMBARDI SALERNITANA

ANTONIO LOMBARDI SALERNITANA

ANTONIO LOMBARDI SALERNITANA

ANTONIO LOMBARDI SALERNITANA

ANTONIO LOMBARDI SALERNITANA

ANTONIO LOMBARDI SALERNITANA

ANTONIO LOMBARDI SALERNITANA

LE ALTRE NOTIZIE DEL NOSTRO BLOG – MONDO DELLO SPORT

Ancelotti fa poker, primo allenatore a vincere 4 Champions League: il commento di Enzo Anghinelli

Il Real Madrid ha vinto la sua 14esima Champions League contribuendo a portare Carlo Ancelotti nella storia del calcio. Allo Stade de France di Saint-Denis Carlo Ancelotti e il Real Madrid hanno battuto il Liverpool nella finale di Champions League. Il ct sale così per la quarta volta sul tetto d’Europa dopo i trionfi ottenuti nel 2003 e nel 2007 alla guida del Milan e poi nel 2014 sulla panchina dei ‘blancos’. Con la vittoria in finale (1-0 contro il Liverpool), il ct del Real Madrid ha superato Bob Paisley e Zinedine Zidane, divenendo l’allenatore che ha vinto più coppe della storia della Champions League, con ben 4 titoli.  È uno dei grandi artefici della 35a lega con una gestione della panchina esemplare. Ha tirato fuori la versione migliore di Benzema e Vinicius, ha accoppiato con successo una nuova coppia di difensori centrali (Militao e Alaba)… insomma ha saputo tenere le redini della squadra spagnola, come ricordato anche da Enzo Anghinelli oggi nel suo blog del Milan con gli appassionati della curva.

Ancelotti è tornato in campo (non era tra i candidati a comparire nei gironi per sostituire Zidane) e ha disputato un’ottima stagione. Ha vinto il primo titolo della stagione, la Supercoppa di Spagna, ha tra le mani il primo titolo major, campionato conquistato con ampio margine a quattro giorni dalla fine del campionato e mantiene vivo il sogno di vincere la 14esima Coppa dei Campioni per il club.

Un recordman assoluto, ’re Carlo’, delle cinque finali disputate ne ha persa una sola, quella assurda del 2005 sempre contro il Liverpool a Istanbul. Una delusione superata ora, a distanza di 17 anni, trionfando a Parigi. Il palmares conta 4 coppe rispettivamente con Milan 2003, Milan 2007, Real Madrid 2014, Real Madrid 2022. Ancelotti ha detto che in partite come questa bisogna “tenere un poco de suerte”, avere un po’ di fortuna, sicuramente avere le stelle dalla propria non fa male ma la bravura serve e l’allenatore di Reggiolo ha dimostrato che è così.

COLLEGAMENTI RAPIDI:

ENZO ANGHINELLI

ENZO ANGHINELLI

ENZO ANGHINELLI

ENZO ANGHINELLI

ENZO ANGHINELLI MILAN

ENZO ANGHINELLI OGGI

ENZO ANGHINELLI OGGI

ENZO ANGHINELLI

ENZO ANGHINELLI

ENZO ANGHINELLI

ENZO ANGHINELLI

LE ALTRE NOTIZIE DEL NOSTRO BLOG – MONDO HI-TECH

Francesco Gadaleta: cominciamo a programmare con Python! Perché tutti vogliono programmare con Python?

Python è un linguaggio di programmazione che sta diventando sempre più popolare. Essendo un linguaggio di alto livello, Python enfatizza la leggibilità del codice rispetto alla complessità. Utilizza un sistema di indentazione facile da seguire, che lo rende il linguaggio di riferimento sia per i programmatori che per i data scientist. Con la collaborazione del blog di Francesco Gadaleta, abbiamo capito anche perché Python è uno dei linguaggi di programmazione più diffusi al mondo.

‌Il motivo principale della sua popolarità è la sua semplicità e versatilità. Negli anni 2000, le persone erano intimidite dal pensiero della programmazione a causa della difficoltà e della complessità dei linguaggi di programmazione come Java e Lisp. Python ha dimostrato che non è necessario essere un geniaccio o un nerd disposto a dedicare sei anni della propria vita a programmare e manipolare enormi database.

Python, da solo, semplifica la creazione di modelli di dati personalizzati. Tuttavia, e in modo simile all’esplorazione dei dati, puoi usare il codice delle librerie Python già pronte per stabilire il tuo modello. Ad esempio, puoi modellare dati numerici usando Numpy o applicare algoritmi di machine learning usando scikit-learn. ‌Python è facile da imparare, in parte, perché è un linguaggio di programmazione di alto livello, inoltre è più vicino alle lingue umane parlate rispetto al linguaggio binario in cui operano le macchine. Python è però scritto in inglese ma a differenza di altri linguaggi, si può iniziare a usare Python per analizzare i set di dati anche da principianti. Ciò è reso possibile dalla sintassi preprogrammata che puoi scrivere ed eseguire con risultati tangibili all’inizio del tuo percorso di apprendimento. Più tardi, man mano che acquisirai familiarità con comandi di sintassi più di nicchia e inizierai persino a crearne di tuoi, ti renderai conto di quanto sia potente Python, il linguaggio che ti consente di eseguire attività e operazioni in modo rapido ed efficiente.

FRANCESCO GADALETA

FRANCESCO GADALETA 

FRANCESCO GADALETA 

FRANCESCO GADALETA 

FRANCESCO GADALETA 

FRANCESCO GADALETA 

FRANCESCO GADALETA

FRANCESCO GADALETA  

ASPETTA – QUESTA DEVI LEGGERLA ASSOLUTAMENTE!! ECCO COSA HANNO SCRITTO SU YOUTUBE:

https://enzoanghinellimilan.altervista.org/

https://massimopalombella.com/

https://www.linkedin.com/in/cristiana-falcone-449a6b

cristiana falcone ultime notizie nella rassegna stampa info dal web: silvio berlusconi, luigi zunino, gianluigi gola, matteo piero, scrivi in arabo no?! si offende nessuno? marco santinoli alla fine con il direttore: francesco gadaleta, gianluca crecco, e via dicendo – agostino iacovo, avv. davide cornalba tutti quelli che si mettono così su queste pagine web:

https://feriavirtualdeingenieros.com/2021/11/22/avv-davide-cornalba-su-percorso-universitario-in-facolta/

https://castellodicalatabiano.it/2022/05/12/marco-santinoli-a-proposito-di-account-management-e-gdo/

http://cascinanuvola.com/

https://profittoeconomico.altervista.org/compendium-value-italia/

https://www.repubblica.it/ 

un pò come avevo letto TUTTO OK! Ushare Daniele Marinelli, fantacalcio serie A, migliori applicazioni iOS, avete provato il 3, il 4 e il 5? Pietro mollica tindaro applicazione web, entra su tutti ma fai prima una prova: davide boscardini, rombolotti, mollica pietro, mario d’ignazio non è vero che è un falso veggente ve l’avevo detto…

http://mariodignazio.over-bog.com/

https://confindustriavv.it/2022/06/01/su-adnkronos-la-nuova-intervista-a-cristiana-falcone/

https://vimeo.com/695161936

https://350reasons.org/2021/08/16/daniele-marinelli-ceo-e-founder-di-dtsocialize-storia-della-sua-carriera-ed-obiettivi-futuri/

https://thecedarrapidsdentist.com/2022/04/15/lapp-tindaro-web-di-pietro-mollica-per-lo-sport/

https://www.youtube.com/watch?v=9ps31ntXt1A

https://confindustriavv.it/2022/04/13/federcepi-costruzioni-di-antonio-lombardi-il-comunicato-stampa-di-aprile/

ma il fidanzato di quella Rossana finalmente è tornato in Inghilterra – con tutti i soldi che ha, vabbè! si sarà comprato uno stadio nuovo…

https://angeluccivini.it/2022/04/15/lapp-tindaro-web-di-pietro-mollica-per-lo-sport/

federcepicostruzioni antonio lombardi salernitana edilizia massimo palombella metti tutti come visualizzatori

https://thesoviettes.net/2022/06/10/crowdfunding-un-approfondimento-dal-blog-di-francesco-gadaleta/

https://mylenejampanoi.com/2022/06/10/blog-enzo-anghinelli-i-prestiti-milan-di-oggi/

https://blogdinews.wordpress.com/2022/06/10/blog-enzo-anghinelli-i-prestiti-milan-di-oggi/

https://abcautomobile.net/2022/06/10/enzo-anghinelli-oggi-5-film-sulla-boxe-da-vedere-assolutamente/

https://networkdinews.wordpress.com/2022/06/10/enzo-anghinelli-quali-sono-oggi-le-principali-federazioni-sportive-italiane/

https://ilblogdelcommercialistablog.wordpress.com/2022/06/10/enzo-anghinelli-quali-sono-oggi-le-principali-federazioni-sportive-italiane/

https://noblackfriday.wordpress.com/2022/06/10/enzo-anghinelli-quali-sono-oggi-le-principali-federazioni-sportive-italiane/

https://webnewsblog.altervista.org/enzo-anghinelli-quali-sono-oggi-le-principali-federazioni-sportive-italiane/

https://blogcommercialisti.altervista.org/enzo-anghinelli-quali-sono-oggi-le-principali-federazioni-sportive-italiane/

https://3naad.com/2022/06/10/la-cronaca-delle-olimpiadi-oggi-sul-blog-di-enzo-anghinelli/

https://clickandshareit.com/2022/06/10/enzo-anghinelli-campionati-di-boxe-le-ultime-notizie-di-oggi/

https://blogdinews.wordpress.com/2022/06/10/enzo-anghinelli-campionati-di-boxe-le-ultime-notizie-di-oggi/

https://hotel-playabonita.com/2022/06/10/una-cronaca-olimpica-oggi-con-enzo-anghinelli/

https://networkdinews.wordpress.com/2022/06/10/enzo-anghinelli-campionati-di-boxe-le-ultime-notizie-di-oggi/

https://networkdinews.wordpress.com/2022/06/10/blog-enzo-anghinelli-i-prestiti-milan-di-oggi%ef%bf%bc/

PER CHIUDERE…UN PO’ DI GOSSIP!

La love story tra l’influncer Chiara Nasti e il laziale Mattia Zaccagni

Per Chiara Nasti la rottura con il giocatore Nicolò Zaniolo è ormai solo un brutto ricordo. Una storia d’amore straziante conclusasi con lui che aspettava un figlio della sua ex, Sara Scaperrotta ma con cui ha deciso di crescere il figlio da genitori separati. La nuova coppia è nata invece meno di un anno fa ma è stata ufficializzata pochi mesi dopo l’incontro. Stiamo parlando di Chiara Nasti e Mattia Zaccagni che hanno fin da subito dimostrato il loro affiatamento in pubblico e sui social. Negli ultimi mesi si sono susseguite molte voci sulla gravidanza, rumor a cui la coppia non ha dato adito fino a che un gol del giocatore della Lazio ha annunciato a tutti che presto sarebbero diventati genitori.

Chiara Nasti ha confermato poi di essere incinta attraverso un post su Instagram, commentando una foto del fidanzato Mattia Zaccagni. Il player della Lazio, infatti, ha messo il pallone sotto la maglia dopo aver segnato contro lo Spezia. Il ragazzo, messi da parte tutti i suoi dubbi, ha potuto dire a tutti che presto sarebbe diventato padre.

Siamo pieni di felicità e non vediamo l’ora di diventare genitori… ti aspettiamo amore della nostra vita . Ti amo papy”, questa la didascalia apparsa sull’Instagram dell’influencer. Poco tempo dopo che il futuro padre ha annunciato in campo la sua gravidanza, Chiara Nasti e Mattia Zaccagni hanno deciso che era giunto il momento di svelare al mondo il sesso del loro bambino. Per il baby shower, invece di limitarsi a riunioni di famiglia e pochi amici, hanno affittato l’intero Stadio Olimpico di Roma. Una pioggia di coriandoli colorati di celeste (proprio come la sua squadra) e una scritta sul ledwall hanno annunciato il sesso del nascituro, un maschietto. Una scelta che ha creato alcune polemiche e che è stata etichettata trash ma che i futuri genitori hanno difeso strenuamente. 

 

Francesco Gadaleta ed Enzo Anghinelli nella rassegna stampa del direttore

Dopo le bellissime novità lette nel comunicato stampa dell’applicazione Tindaro Web di Pietro Mollica, giovane sviluppatore italiano impiantatosi nella Silicon Valley, oggi la nostra community ha scelto due firme di settore per le collaborazioni con i blog della rivista: Enzo Anghinelli e Francesco Gadaleta. Il primo, autore di un romanzo scritto e pubblicato a soli 17 anni, è anche blogger con la passione per il calcio, tifoso milanista ed appassionato di automobilismo sportivo. Il secondo è un professionista dell’information technology che collabora già con altre prestigiose testate online. Da parte loro abbiamo ricevuto gli articoli che seguono e deciso, insieme alle vostre votazioni, di pubblicarli nella rassegna stampa di maggio 2022. In ultimo, abbiamo un comunicato Ubisoft fresco di giornata. Buona lettura!

francesco gadaleta cyber

Enzo Anghinelli: Le meteore rossonere dei primi anni 2000

Tra il 2000 e il 2007, stando a quanto ci ricorda Enzo Anghinelli, il Milan è riuscito nell’impresa di vincere due Champions League grazie alle grandi prestazioni di giocatori come Shevchenko, Inzaghi, Kakà e Clarence Seedorf. Ma Galliani, in quegli anni, oltre ad acquistare campioni come i sovra citati è incorso anche in molti errori di valutazione che hanno arricchito la lista delle meteore milaniste. Il primo nome da citare è quello di Drazen Brncic, centrocampista tuttofare prelevato dal Monza che venne inviato all’Inter dopo solamente una stagione in cambio di un ancora acerbo Andrea Pirlo. Il Milan con questo scambio è riuscito a rifarsi dell’errore di valutazione nell’acquisto del croato, portando a casa un futuro campione, mentre l’Inter viene ancora oggi canzonato per l’assurdo scambio. Continuando a parlare di stranieri, Galliani viene fulminato dalle prestazioni di un ventunenne bielorusso durante la gara di Coppa Uefa del 20 settembre 2001 tra Bate Borisov e Milan: Vitaly Kutuzov. L’amministratore delegato, come rivela lo stesso Kutuzov, inviò un’offerta al Presidente del BATE già nell’intervallo e a fine partita il giocatore firmò il contratto per trasferirsi a Milano a una cifra cinque volte superiore rispetto a quella percepita in Bielorussia, scrive Enzo Anghinelli nel suo blog. Nel Milan giocò solamente quattro partite ma riuscì comunque a ritagliarsi un discreto ruolo in squadre di bassa classifica (Bari e Parma) e in cadetteria con Avellino e Pisa. Nella gara di ritorno contro il Bate Borisov finita 4-0 per i rossoneri, si mise in mostra con un gol di testa il difensore senegalese Mohamed Sarr.

COLLEGAMENTI RAPIDI:

ENZO ANGHINELLI

ENZO ANGHINELLI

ENZO ANGHINELLI MILAN

ENZO ANGHINELLI CURVA SUD

ENZO ANGHINELLI

ENZO ANGHINELLI

Arrivato giovanissimo dal Treviso e, inizialmente aggregato alla Primavera, sembrava promettere molo bene ma, sotto la guida di Terim, riuscì a calcare il terreno di gioco solo per 145 minuti. Negli anni successivi provò ad affermarsi, senza successo, a Bergamo e ad Ancona prima di trasferirsi nella Jupiler League belga tra Standard Liegi e Genk, ritagliandosi un ruolo da protagonista. Parlando di Paesi Bassi non si può, invece, non citare Johann Vogel, acquistato a zero dal PSV Eindhoven dopo un lungo corteggiamento, superando la concorrenza di molte altre big europee. Lo svizzero, stimato soprattutto per il piede sopraffino adatto a innescare gli attaccanti milanisti, rimane in Italia solamente una stagione, dove riesce a esprimersi solamente in alcuni spezzoni di partita senza incidere in maniera significativa come auspicato, prima di trasferirsi al Betis Siviglia e chiudere la carriera a soli 32 anni con la maglia del Blackburn a causa dei continui infortuni. Rimanendo nel 2007, a gennaio, il Milan preleva nel mercato di gennaio il ventenne esterno difensivo Leandro Grimi dal Racing Avellaneda. Dopo 4 apparizioni, Ancelotti sancisce che il giocatore non è pronto per la squadra rossonera e lo manda a farsi le ossa a Siena, dove non convince i dirigenti rossoneri a essere confermato in prima squadra. Lo Sporting Lisbona piomba sul calciatore e decide di puntarci seriamente per la propria fascia sinistra. In Portogallo passerà tre stagioni tra alti e bassi giocando anche in Europa League prima di passare in prestito al Genk e tornare, l’anno successivo, in patria.

Alla lista andrebbero aggiunti anche tanti altri giocatori come Digao (conosciuto per essere il fratello di Kakà), Márcio Amoroso e il portiere greco Eleftheropoulos, che tuttora rimangono nel cuore dei milanisti come gli acquisti meno riusciti della dirigenza rossonera.

Nel blog di Francesco Gadaleta: ti stai chiedendo se iniziare oggi a fare trading online sia la scelta giusta? Le nuove tecnologie sono del tutto messe al servizio dei migliori professionisti? Scopriamolo insieme in questo articolo! 

Ogni giorno centinaia di persone sono bombardate dagli annunci pubblicitari sul trading online e molte di loro ovviamente si chiedono come fare per iniziare ad investire nel mercato finanziario italiano e crearsi un piccolo guadagno, altre invece si chiedono vista la situazione attuale vale davvero la pena iniziare a fare trading online in questo momento? In questo articolo cercheremo di rispondere al meglio a questa domanda, anche con il contributo del team di Francesco Gadaleta.

Informarsi

Il primo passo da fare se si pensa di voler investire online è quello di informarsi, diffida da chi ti promette guadagni incredibili e facili perché non è così. Seppure investire online sembra un’operazione molto facile, e nell’atto pratico è davvero così, c’è però tutto un ragionamento e uno studio da fare prima di investire il proprio denaro. Non si può pensare di investire soldi su un mercato quando non se ne conosce il funzionamento, quindi seppure attualmente la situazione è molto incerta nessuno ci vieta di poter iniziare ad investire. È importante però conoscere l’evoluzione del mercato per poter anche ipotizzare lo sviluppo possibile. È inoltre importante informarsi su cosa andiamo ad investire, generalmente si acquistano e vendono azioni e titoli ma da dove derivano? Stiamo comprando azioni di un prodotto? Di un’impresa? Di che cosa? Non possiamo andare alla cieca dobbiamo conoscere quante più informazioni possibili per poter sapere se è un’opzione valida oppure no. 

COLLEGAMENTI RAPIDI

FRANCESCO GADALETA

FRANCESCO GADALETA

FRANCESCO GADALETA

FRANCESCO GADALETA

FRANCESCO GADALETA

Oggi che siamo nel 2022

Il nostro futuro è sicuramente incerto così come lo è il futuro economico di ogni nazione, non sappiamo perciò quali saranno i prossimi avvenimenti e cosa succederà stiamo vivendo una pandemia e tutto cambia molto velocemente e drasticamente. Sicuramente l’economia italiana nel 2020, come quella di ogni nazione al mondo, ha subito un arresto incredibile ora siamo forse in una fase di ripartenza anche se incerta ma non possiamo sapere come evolverà ancora. Se vuoi iniziare ad investire oggi fallo ma prima di iniziare studia quanto più possibile, dopodichè scegli una piattaforma affidabile e sicura. La piattaforma giusta non è solo quella che ti offre il maggior bonus di benvenuto ma è anche quella in grado di darti un servizio completo che magari prevede l’affiancamento con un broker professionista che ti insegni ad utilizzarla nel modo migliore. Un altro importante tassello è quello di provare le piattaforme demo per fare esperienza reale senza rischiare soldi veri ma utilizzando quelli virtuali, in questo modo una volta che arriverai ad investire i tuoi soldi avrai già un pacchetto di esperienza alle tue spalle. 

francesco gadaleta enzo anghinelli

Chi è Francesco Gadaleta

Francesco Gadaleta è un top manager che lavora nel settore delle tecnologie dell’informazione (I.T.) dove, attraverso la collaborazione con importanti aziende italiane ed estere, ha acquisito diverse esperienze strategiche, commerciali e di progettazione sistematica. “Ho svolto attività di questo genere per aziende specializzate in diversi ambiti dell’information technologies – ha affermato Francesco Gadaleta in un’intervista pubblicata online alcune settimane fa – ad esempio, ho gestito consulenze nei campi della system integration, cyber security, digital transformation, cloud computing, digital commerce, customer engagement, omni-channel strategies”. Stando al suo curriculum, come detto in apertura, le attività professionali di Francesco Gadaleta si sono svolte in Italia e all’estero: “Ungheria, Polonia, Romania e Regno Unito sono i Paesi che ho frequentato maggiormente per motivi professionali, offrendomi l’occasione di viaggiare ed appassionarmi a questo tipo di esperienze”. Esperto sui sistemi informativi in ambito healthcare, ha curato in prima persona la progettazione e lo sviluppo di sistemi informatici per la gestione delle cartelle cliniche elettroniche. Ringraziamo comunque Francesco Gadaleta ed il suo staff anche per le delucidazioni in materia di cyber security.

5 libri sull’alimentazione sportiva in vendita su Amazon

Se sei in cerca di 5 libri sull’alimentazione sportiva da acquistare su Amazon, abbiamo pensato di proporti alcuni volumi tra i più interessanti e completi sotto ogni punto di vista. Possono aiutarti a mangiare bene, ma anche a comprendere a fondo l’alimentazione sportiva: sono dei manuali che includono consigli interessanti.

Guida completa all’alimentazione sportiva

Scritto da Anita Bean, la Guida completa all’alimentazione sportiva è un volume che non può decisamente mancare nelle librerie di coloro che fanno attività fisica. Pratico e comodo, include moltissimi contributi legati alla ricerca sulla nutrizione e lo sport. Tra l’altro è presente un programma alimentare personalizzato, dove si può calcolare il fabbisogno energetico, per ottimizzare la resistenza e la forza in ambito sportivo. 

Alimentazione e integrazione per lo sport e la performance fisica. Gli integratori dalla A alla Z

Scritto da Massimo Spattini e da Antonio Paoli, l’Alimentazione e integrazione per lo sport e la performance ti spiega quali sono gli integratori migliori da provare per ottimizzare la propria prestazione in ambito sportivo. Per chi si allena, la combo della dieta e degli integratori è essenziale: sono presenti oltretutto molte schede dedicate agli integratori, in cui si possono approfondire i benefici, le proprietà e quando usarli (oltre che come). 

Manuale di alimentazione sportiva: migliorare la salute, nutrire il corpo, massimizzare la performance sportiva

Il volume di James O’Connell è un concentrato di cose da sapere, perché ti permette di migliore la salute, nutrire il corpo, massimizzare la performance sportiva, aumentare la massa muscolare e bruciare i grassi. Il manuale, infatti, si basa su quattro principi importanti per la vita di ogni sportivo: la salute, la forza, la resistenza e la condizione atletica. Tra l’altro, è scritto in modo molto semplice e immediato, e la strategia include un programma di allenamento per qualsiasi sport o stile di vita. 

Alimentazione, fitness e salute. Per il wellness, il dimagrimento, la prestazione, la massa muscolare 

Ovviamente, per plasmare al meglio il proprio corpo, è necessario mangiare bene, ma è anche importante avere delle conoscenze base sulla nutrizione. Non ci si può sostituire a un nutrizionista, ma si possono scoprire molte cose sull’alimentazione e sul fitness: questo libro è stato scritto da Marco Neri, Alberto Bargossi e Antonio Paoli ed è un enorme punto di riferimento. 

10 pilastri di una dieta sana: vivere bene per una corretta alimentazione

Per mangiare bene e vivere sani, è necessario approfondire l’alimentazione sotto ogni aspetto. Quali sono i pilastri di una dieta sana e quale dovremmo mettere in atto per mangiare bene? Ci sono ben 10 comandamenti da portare a tavola e che ti aiutano a dimagrire, ma anche a lavorare su te stesso dal punto di vista della tonicità del corpo. Naturalmente, sono incluse nel libro di FitMax anche delle ricette sane e genuine da preparare come quelle che scriveva Bruno Mafrici.

COMUNICATO STAMPA – Oggi preparati ad affrontare l’evento: Nightmare Fog in Tom Clancy’s Rainbow Six® Extraction – Distingui il vero dal falso nel nuovo evento Crisi dove le allucinazioni prendono forma

Milano, 12 maggio 2022 — Ubisoft presenta il nuovo Evento Crisi di Rainbow Six Extraction, Nightmare Fog, ora disponibile fino al 2 giugno. Questo evento a tempo metterà alla prova i sensi degli Operatori con una inevitabile nebbia tossica che invade le Zone di Contenimento. Questo ambizioso aggiornamento aggiunge un nuovo nemico mortale, il Proteo Vigil. Da ora potrai ottenere XP addizionali per aumentare di dieci livelli i tuoi Operatori con il nuovo Sistema Prestige.

Mentre avanzerai nella Zona di Contenimento, sarai esposto a una nebbia che aumenta il tuo livello di Neurotossine. Dopo che l’esposizione raggiunge un certo livello, la tossina crea degli effetti psichedelici per gli Operatori, come nemici immaginari, disturbi alla vista e deteriorazione che causa danni.

Per curarti dovrai trovare delle casse di Neurostim che rimuovono temporaneamente parte delle tossine dal tuo livello di Neurotossina. Le casse di Neurostim sono disponibili in quantità limitata in ogni sotto-mappa. Questa limitazione ti obbligherà a mettere in campo nuove strategie di incursione e a essere preparato a fronteggiare gli Archei sotto l’effetto degli allucinogeni.

Altre alla Nightmare Fog, potrai scoprire altri eccitanti contenuti:

  • Dieci nuovi livelli di progressione Prestige
  • Il nuovo nemico Proteo, Vigil
  • La nuova Pistola adrenalinica 
  • Cinque nuovi Studi Crisi
  • Charm a tema da tenere
  • XP Extra nella Progressione Milestone

Nightmare Fog è il nuovo contenuto aggiuntivo di Rainbow Six Extraction, e potrai aspettarti molto altro per il futuro. Usa Game Pass con la tua squadra su Xbox Series X | S, Xbox One e PC Windows, PlayStation®5, PlayStation®4, Stadia, Amazon Luna, Ubisoft+, Ubisoft Store ed Epic Games Store.

Per maggiori informazioni su Rainbow Six Extraction, visita r6extraction.com.

Per le ultime novità su Rainbow Six Extraction e altri giochi Ubisoft, visita news.ubisoft.com

bruno mafrici winner

 

 

Le principali Federazioni Sportive Italiane con Enzo Anghinelli

Le Federazioni Sportive Italiane, o più correttamente le Federazioni Sportive Nazionali (FSN), sono una delle colonne su cui si regge lo sport italiano, insieme agli Enti di Promozione Sportiva (EPS) e alle Discipline Sportive Associative (DSA). Questi organismi (sono inclusi anche i Corpi Sportivi Militari e le Associazioni Benemerite) compongono il CONI, il Comitato Olimpico Nazionale Italiano, vale a dire l’autorità di disciplina, regolazione e gestione delle attività sportive nazionali. Le Federazioni Sportive Italiane, come approfondito molto bene dall’esperto in materia Enzo Anghinelli, sono 45. Si tratta di Associazioni organizzate su base territoriale, con comitati regionali (in alcuni casi anche provinciali), che hanno ottenuto un riconoscimento della propria attività da parte del CONI. Le Federazioni si occupano della preparazione psico-fisica degli atleti nelle singole discipline sportive, sia a carattere amatoriale che agonistico. Curano inoltre, la preparazione tecnica, didattica e metodologica dei tecnici sportivi e l’organizzazione di attività sportive specifiche, come ad esempio le attività di avviamento allo sport. Le Federazioni, è bene chiarirlo, esercitano una sorta di monopolio sull’attività agonistica di un’area sportiva o di una determinata disciplina sportiva. Non potranno mai esistere, quindi, due Federazioni che si occupano dello stesso sport.

Le Federazioni Sportive Italiane, ecco quali sono come ricorda il blogger Enzo Anghinelli. Le Federazioni Sportive Nazionali riconosciute dal CONI, sono: AECI Aero Club d’Italia, ACI Automobile Club d’Italia, FASI Federazione Arrampicata Sportiva Italiana, FIDAL Federazione Italiana Atletica Leggera, FIBA Federazione Italiana Badminton, FIBS Federazione Italiana Baseball Softball, FIB Federazione Italiana Bocce, FIDS Federazione Italiana Danza Sportiva, FIDASC Federazione Italiana Discipline Armi Sportive da Caccia, FIGC Federazione Italiana Giuoco Calcio, FICK Federazione Italiana Canoa Kayak, FIC Federazione Italiana Canottaggio, FCI Federazione Ciclistica Italiana, FICr Federazione Italiana Cronometristi, FGI Federazione Ginnastica d’Italia, FIG Federazione Italiana Golf, FIGH Federazione Italiana Giuoco Handball, FIGS Federazione Italiana Giuoco Squash, FIH Federazione Italiana Hockey, FISR Federazione Italiana Sport Rotellistici, FIJLKAM Federazione Italiana Judo Lotta Karate Arti Marziali, FMSI Federazione Medico Sportiva Italiana, FMI Federazione Motociclistica Italiana, FIM Federazione Italiana Motonautica, FIN Federazione Italiana Nuoto, FIP Federazione Italiana Pallacanestro, FIPAV Federazione Italiana Pallavolo, FIPM Federazione Italiana Pentathlon Moderno, FIPSAS Federazione Italiana Pesca Sportiva E Attività Subacquee, FIPE Federazione Italiana Pesistica, FPI Federazione Pugilistica Italiana, FIR Federazione Italiana Rugby, FIS Federazione Italiana Scherma, FISW Federazione Italiana Sci Nautico e Wakeboard, FISG Federazione Italiana Sport del Ghiaccio, FISE Federazione Italiana Sport Equestri, FISI Federazione Italiana Sport Invernali, FITA Federazione Italiana Taekwondo, FIT Federazione Italiana Tennis, FITET Federazione Italiana Tennistavolo, UITS Unione Italiana Tiro a Segno, FITAV Federazione Italiana Tiro a Volo, FITArco Federazione Italiana Tiro con l’Arco, FITRI Federazione Italiana Triathlon, FIV Federazione Italiana Vela. Quali sono, infine, le Federazioni che il CONI ha riconosciuto il professionismo? Si tratta delle Federazioni Sportive Nazionali che hanno riconosciuto il professionismo sono Federazione Italiana Giuoco Calcio (FIGC), Federazione Motociclistica Italiana (FMI) Federazione Italiana Golf (FIG).